A 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione (1 gennaio 1948) e dalle prime elezioni politiche libere del dopoguerra (18 aprile 1948), la Biblioteca Poletti e l’Archivio Storico del Comune di Modena hanno realizzato la mostra 1948. Italia al bivio. L’esposizione intendeva promuovere nei giovani una conoscenza più approfondita del periodo fondante della nostra democrazia attraverso la scoperta e l’uso critico di fonti poco note, come quelle iconografiche depositate presso gli archivi. Proprio uno di questi documenti (Il giuoco dell’oca del vero italiano), nell’anno scolastico 2018/2019, ha ispirato un’attività didattica sulla Costituzione italiana, riproposta anche nell’anno 2019/2020.

Il laboratorio adotta un approccio ludico e narrativo al testo costituzionale attraverso le storie sbloccate dal gioco, che ci permettono di raccontare le radici della Costituzione, attribuendo un senso storico a quanto scritto nella Carta. A partire da vicende specifiche, ricostruite con un metodo scientifico e proposte in maniera accattivante, gli studenti possono così comprendere più efficacemente il contesto nel quale si formano le idee e i principi della Costituzione, attivando riflessioni comparative sul presente. Le narrazioni storiche prendono le mosse da documenti diffusi a Modena o da episodi realmente accaduti in città tra il Regime fascista, la Seconda Guerra mondiale e il dopoguerra, per trattare un tema più generale e spiegare la nascita e il senso di alcuni articoli della Costituzione.

Com’è andata?

Nell’anno scolastico 2018/2019 abbiamo svolto quest’attività didattica sulla Costituzione italiana in 14 classi delle scuole primarie e secondarie di Modena. In molti casi il confronto con le storie di vita ha stimolato domande e collegamenti tra passato e presente, quasi sempre legati ai principi fondamentali della Carta. Gli studenti hanno inoltre accolto con favore la proposta di terminare ogni storia con la lettura dell’articolo della Costituzione corrispondente.

Gli insegnanti coinvolti hanno manifestato un massiccio apprezzamento della modalità ludica e narrativa con cui è stata proposta l’analisi delle radici storiche della Costituzione. La grandissima parte dei docenti (da tutte le scuole) ha chiesto se ci sarebbe stata la possibilità di ripetere il laboratorio con le stesse modalità nel successivo anno scolastico.

Anno scolastico 2019/2020 per la scuola secondaria di I grado della città di Modena

Nell’anno scolastico 2019/2020, per le classi terze della scuola secondaria di I grado di Modena, l’Archivio storico del Comune ha proposto Costituzione in gioco nei suoi locali presso il Palazzo dei Musei. Il laboratorio è stato inserito nel catalogo Itinerari scuola-città, su Memo.

Con un approccio ludico-narrativo al testo della Carta costituzionale, l’incontro stimola la curiosità storica dei ragazzi con un avvincente gioco a squadre, il “Gioco dell’Oca del Vero Italiano”, fedele riproduzione di un materiale del 1948. Alcune caselle speciali attivano brevi narrazioni storiche su temi legati a principi ed articoli costituzionali (discriminazione di genere, di razza, guerra, democrazia…), attingendo alla biografia di personaggi modenesi o a vicende di storia locale che rendono la storia più vicina ai contesti di riferimento dei ragazzi.

Anno scolastico 2019/2020 per tutti gli altri

Se non insegni in una classe terza della scuola secondaria di 1° grado di Modena, ma il laboratorio ti interessa, contattaci per parlarne ed eventualmente accordarci su un’attività ritagliata su misura, in aula, dedicata alle

  • classi terze, quarte, quinte delle scuole primarie;
  • tutte le classi delle scuole secondarie di primo grado.

Contattaci per saperne di più

Paola Gemelli e Daniel Degli Esposti

Spargi la voce!

Conosci una persona interessata? Faglielo sapere!