Collaboriamo dal 2016 con il Master di II livello in Public History dell‘Università di Modena e Reggio Emilia. Lo facciamo sia sull’asse didattico, con interventi seminariali, sia su quello sperimentale, con la realizzazione di progetti di Public History in provincia di Modena.

Seminari di approfondimento per il Master in Public History di Modena

Dal 2016, edizione dopo edizione, la direzione del Master ci ha chiesto di intervenire con seminari dedicati al racconto delle nostre esperienze professionali, con l’obiettivo di trasmettere agli studenti le competenze acquisite sul campo, data la nostra esperienza professionale di ricercatori storici e public historians indipendenti. A titolo esemplificativo e non esaustivo, ecco alcuni dei seminari che abbiamo proposto:

  • 2016: Paola Gemelli su progetti di Public History legati alla storia di genere (approfondimenti in questo post);
  • 2017: Daniel Degli Esposti sul progetto di Public History digitale Il lungo terremoto;
  • 2018: seminario di 4 ore curato da Paola Gemelli e Daniel Degli Esposti per approfondire alcuni casi studio scelti dalla nostra esperienza professionale nel campo del trekking storico;
  • 2019: seminario sul campo guidato da Paola Gemelli e Daniel Degli Esposti (trekking storico, una delle nostre “specialità“);
  • 2020: intervento seminariale La storia in cammino: l’esperienza di Allacciati le storie per raccontare agli studenti la nascita e l’evoluzione di un progetto di successo che ci ha portato ad esercitare pienamente la professione della Public History.
  • 2022: replica dal 2020, ma con due anni di pandemia alle spalle! 😉

 

master public history: seminario

La collaborazione alla didattica della Public History

Nell’ambito della seconda e della quinta edizione del Master in Public History (a.a. 2016-2017 e 2019-2020), Daniel Degli Esposti si è inoltre occupato del tutoraggio didattico per i partecipanti al Master, dell’organizzazione logistica di lezioni e seminari, dell’aggiornamento del sito web, dell’audio-registrazione delle lezioni e dei seminari, della produzione di materiali didattici. Nel 2017 abbiamo inoltre offerto il nostro contributo (Paola Gemelli in particolare) nella comunicazione del master fin dalla fase di promozione dello stesso.

Il Master in Public History di Modena: una palestra per sperimentare

Nella seconda metà del 2016, all’interno del Master in Public History, si è costituito un gruppo di lavoro che ha pensato il progetto Il lungo terremoto. Emilia 2012, un archivio digitale a memoria futura. Oltre a un programmatore informatico e una web designer, il gruppo si componeva di un team di ricercatori storici del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia (noi, ovvero Paola Gemelli e Daniel Degli Esposti), a cui  è stato affidato il lavoro di ricerca e interpretazione delle fonti ai fini della realizzazione del sito web. Alla guida del team c’era un comitato scientifico composto dall’allora direttore del Master in Public History e da uno dei suoi docenti (Lorenzo Bertucelli e Paolo Bertella Farnetti). Il progetto di Digital Public History si proponeva di realizzare alcuni obiettivi della Public History, elaborando i contenuti prodotti affinché fossero fruibili dal pubblico al di fuori dell’Accademia, non solo in modo passivo, ma anche con il suo coinvolgimento. Il nostro impegno professionale è durato fino alla conclusione del progetto nel 2017.

Cos’è il Master in Public History di Modena?

Nell’anno accademico 2015/2016, l’Università di Modena e Reggio Emilia ha attivato un Master Universitario di II livello in Public History. Il Master ha fatto esordire nell’Accademia italiana una disciplina storica, già diffusa con successo in numerosi Paesi del mondo, soprattutto anglosassoni. La Public History è la storia ricostruita e raccontata insieme alle persone che compongono la società in cui viviamo. Si tratta di produrre, conservare e diffondere la storia nel territorio e nella comunità, utilizzando ogni tipo di linguaggio, di strumento e di tecnica, per e con ogni tipo di pubblico.

Noi ci siamo diplomati nella primissima sessione di luglio 2016, con lode, e Daniel ha ricevuto anche una menzione particolare “per una tesi molto accurata dal punto di vista metodologico“. La sua tesi era dedicata all’esperienza di stage che è raccontata in questo post.

Per un approfondimento puoi leggere qui l’intervista all’allora direttore del Master Lorenzo Bertucelli, fatta alla vigilia della terza edizione del master in Public History (2017/2018). Oggi il direttore è il professor Alfonso Botti, ma siamo fiduciosi che non si offenderà!

Paola Gemelli e Daniel Degli Esposti 

Spargi la voce!

Conosci una persona interessata? Invia questo contenuto!