Atlante stragi nazifasciste

Nel 2012 l’Insmli e l’Anpi hanno avviato i lavori per costruire un “atlante delle stragi nazifasciste” in Italia. Si tratta di un progetto di ricerca storica sulla Seconda guerra mondiale, concretizzatosi nel 2016 nell’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia. Finanziato dal Governo della Repubblica Federale Tedesca, comprende tutti gli episodi in cui civili e partigiani sono stati uccisi da reparti tedeschi o della Repubblica Sociale Italiana al di fuori degli scontri armati. L’indagine storica, condotta a livello locale da un gruppo di oltre 90 ricercatori, ha ricostruito la dinamica di oltre 5.000 episodi. La banca dati ne restituisce i risultati, affiancando alle statistiche e alla geolocalizzazione una narrazione sintetica degli eventi.
Su incarico dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri (ex Insmli – Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia), ho studiato e schedato le uccisioni e le stragi avvenute nella provincia di Modena.

Al termine delle ricerche ho presentato le schede delle mie ricerche nel corso di eventi e conferenze spettacolo in vari comuni modenesi. La mappa qui sotto mi è servita per narrare la strage di Monchio, Susano e Costrignano alla Rocca di Montefiorino il 6 agosto 2016.

Qui puoi visualizzare la presentazione che ho proposto a Limidi di Soliera il 22 novembre 2016.

Qui puoi leggere la presentazione della conferenza spettacolo che ho realizzato insieme ai Flexus a San Cesario sul Panaro il 19 aprile 2017. Il racconto della serata puoi trovarlo qui.

Qui puoi trovare il post che annuncia e presenta la conferenza spettacolo con cui ho aperto l’Assemblea dei soci 2017 dell’Istituto storico di Modena.

 

Questo progetto ti interessa? Consulta l’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia o segui la sua pagina Facebook.

Il Ministero degli Esteri racconta il progetto: leggi la pagina.

Diacronie presenta in sintesi l’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia: leggi.

 

Daniel Degli Esposti

 

 

Spargi la voce!