La strage dei Boschi di Ciano è uno degli episodi più tragici della Resistenza tra le province di Bologna e Modena. Il 18 luglio 1944 un rastrellamento nazista e fascista si conclude con la condanna a morte per impiccagione di 20 persone. L’operazione non ha soltanto l’obiettivo di vendicare l’uccisione di due militari tedeschi. Le forze dell’Asse catturano anche diversi ostaggi per collocarli ai lavori forzati tra le retrovie del fronte e la Germania.

Negli ultimi anni mi è capitato diverse volte di ricostruire le vicende legate alla strage dei Boschi di Ciano. Ho cominciato nel 2012, analizzando il monumento nel saggio Lacrime di pietra. Nel 2015 ho poi redatto la scheda per l’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia. Nel 2017 ho infine approfondito l’analisi nel saggio Radici di futuro.

Domenica 10 novembre 2019 avrò il piacere di raccontare ancora le vicende del 18 luglio 1944. Lo farò nella terza tappa del progetto Nidi di ragno, un percorso di memoria, educazione, teatro e azione a cura di archiviozeta. All’evento parteciperà anche il semiologo Francesco Mazzucchelli, che proporrà riflessioni sui segni della memoria. Gianluca Guidotti, Enrica Sangiovanni e Alfredo Puccetti leggeranno inoltre brani da Cesare Pavese. La Fanfara Burek accompagnerà le parole con la fisarmonica, il clarinetto e le percussioni.

Alberi piantati in memoria degli impiccati nella strage dei Boschi di Ciano, a pochi metri dal luogo dei patiboli

Alberi piantati in memoria degli impiccati nella strage dei Boschi di Ciano, a pochi metri dal luogo dei patiboli

Trekking storico sulla strage dei Boschi di Ciano

Il ritrovo è fissato alle ore 14 a Ciano di Zocca, presso la Piazza Saldinari, davanti al Ristorante Bonfiglioli. Da lì prenderemo la Strada Provinciale 25 per Zocca, fino a raggiungere il luogo della strage dei Boschi di Ciano. La maggior parte del percorso sarà su strada asfaltata, ma faremo anche un piccolo tratto nel bosco. Poi, tornando sui nostri passi, scenderemo nuovamente a Ciano. Raggiungeremo la vigna dell’azienda agricola Il Granaro, dove ci metteremo intorno al fuoco per ascoltare musiche e letture da La luna e i falò.

Cammineremo complessivamente per 5,5 Km circa e l’evento durerà intorno alle 3 ore. L’evento si terrà anche in caso di pioggia. Consigliamo dunque un abbigliamento adeguato, con scarpe comode e un equipaggiamento adatto ad affrontare il freddo e/o la pioggia.

La prenotazione è obbligatoria. Si può seguire la procedura online a questo link, oppure telefonare al numero 334 9553640. Per partecipare agli eventi del progetto Nidi di ragno, occorre versare un contributo d’iscrizione una tantum di 20€, in cambio del quale si riceve un kit con uno zaino/borsa, una mappa, una scatola/libro, una penna e una matita, una borraccia, materiali di approfondimento e di riflessione. È inoltre necessario aggiungere 5€ per tutte le tappe successive.

Spargi la voce!

Potrebbe interessarti anche
Conosci una persona interessata? Faglielo sapere!