Si crede facilmente a ciò cui si ha bisogno di credere.
Una leggenda che ha ispirato azioni clamorose, e soprattutto azioni crudeli, è sul punto di diventare indistruttibile.

Sono parole di Marc Bloch, uno dei più grandi storici del Novecento europeo. Le sue riflessioni, contenute in La guerra e le false notizie, risalgono al tempo della Grande Guerra, ma 100 anni dopo sono più che mai attuali. Le sue parole ci aiutano a leggere il nostro presente ed è proprio questo, d’altra parte, uno degli obiettivi di chi si applica allo studio della storia.

Capire come è perché, anche oggi, nascono le false notizie e le fake news (le false notizie che si diffondono in rete) è importantissimo per vivere con consapevolezza il nostro presente. Altrettanto lo è imparare a proteggersi. Ma c’è davvero un modo per… provare a “prendere le bufale per le corna”?

Dalla fake news storiche alle bufale di oggi

Io penso proprio di sì. Anzi, credo ce ne sia più di uno e che il metodo storico e la critica delle fonti possano darci una grossa mano, non solo per riconoscere quelle che qualcuno chiama fake news storiche, ma anche per muoverci nel mondo digitale. Tanto che nell’ultimo anno io e Daniel Degli Esposti, sia per gli studenti che per gli adulti, abbiamo proposto diversi laboratori e incontri proprio su questo tema (ne avevo parlato in questo post, in occasione dell’incontro dello scorso aprile a Soliera)

Succederà di nuovo nella serata di giovedì 30 maggio, a Castelnuovo Rangone: alle ore 21:30 in Piazza Turati terrò una conferenza dal titolo “Fake news: istruzioni per l’uso“. Porterò innanzitutto uno sguardo storico sulle false notizie del passato, che ci aiuterà a capire come contrastare le bufale digitali di oggi. Niente di noioso e troppo teorico: mi servirò anzi di diversi esempi, utili a comprendere i meccanismi con cui nascono e funzionano le false notizie di ieri e di oggi, per poi proporvi delle vere e proprie istruzioni per l’uso e sentire anche che ne pensate voi (no, non interrogherò nessuno, tranquilli 🙂 ).

L’evento è inserito nella rassegna letteraria della Fiera di Maggio “ACCULTURATI – La Cultura in Piazza Turati” organizzata dal Comune di Castelnuovo Rangone ed è a partecipazione libera e gratuita. In caso di pioggia l’iniziativa verrà spostata in una sala pubblica.

Per restare aggiornati su tutte le nostre iniziative è possibile iscriversi alla nostra Newsletter settimanale, in questa pagina.

Spargi la voce!

Potrebbe interessarti anche
Conosci una persona interessata? Faglielo sapere!