In quest’anno scolastico siamo stati chiamati più volte a insegnare la storia… in cammino. Abbiamo proposto trekking storico-narrativi agli studenti, sia come attività singole, sia in abbinamento ad altre, in progetti didattici più ricchi. Così all’attività che da anni svolgiamo in aula per le scuole di ogni ordine e grado (la trovi qui), quest’anno abbiamo aggiunto un’esperienza molto importante. L’occasione ci è stata offerta dalla mostra 1948. Italia al bivio, curata dall’Archivio storico del Comune di Modena e dalla Biblioteca Poletti.

La visita alla mostra è stata infatti il perno delle due attività proposte alle classi terze, quarte e quinte delle scuole secondarie di II grado di Modena. Entrambe erano pensate per permettere agli studenti di entrare nei meccanismi della propaganda e comprenderli storicamente.

Nell’ambito dell’iniziativa nazionale Quante storie nella storia. Settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio, mercoledì 8 maggio, dalle ore 15,00 alle ore 17,00Daniel Degli Esposti illustrerà ai docenti l’attività didattica ideata insieme a Paola Gemelli e proposta alle scuole superiori in occasione della mostra.

elezioni del 1948 - Giuoco dell'oca del vero italiano

Giuoco dell’oca del vero italiano. Manifesto di propaganda prodotto nell’ambiente dei Comitati civici (1948, Fondo Tonini, Biblioteca Poletti)

Insegnare la storia in giro per la città

L’incontro si concentrerà in modo particolare su uno dei due moduli didattici, ovvero quello articolato dapprima in un trekking storico-narrativo attraverso luoghi significativi della città, affinché gli studenti potessero scoprire la declinazione modenese di quella campagna elettorale, per proseguire in una visita guidata alla mostra 1948. Italia al bivio, presso la sede degli istituti.

insegnare la storia

Manifestino di propaganda del Fronte democratico popolare, stampato a Modena nell’aprile 1948 (Fondo Tonini, Biblioteca Poletti)

Il percorso in città dava l’occasione di scoprire i luoghi della condivisione e del confronto tra i cittadini durante la campagna elettorale del 1948. Le narrazioni degli storici hanno permesso agli studenti di conoscere episodi accaduti in città, dai quali è stato possibile ricavare spunti utili a comprendere le dinamiche storiche del secondo dopoguerra italiano. La visita guidata alla mostra aveva invece lo scopo di far comprendere ai ragazzi il linguaggio della comunicazione politica, attraverso la scoperta e l’analisi storica delle strategie e degli stili adottati dalla propaganda.

L’attenzione dei ragazzi è stata quindi convogliata su linguaggi, immagini, luoghi comuni, simboli e slogan, affinché potessero imparare a decodificare i messaggi, collocandoli nel contesto storico che li ha generati. La ricchezza e la bellezza del materiale conservato ed esposto presso i due istituti (manifesti, volantini, vignette, fumetti, giochi da tavolo, cartoline…) ha ogni volta entusiasmato gli studenti, che hanno raccolto lo stimolo a un confronto con gli odierni linguaggi della comunicazione e della politica.

Appuntamento all’Archivio storico del Comune di Modena

In occasione dell’incontro di mercoledì 8 maggio è prevista anche la partecipazione della professoressa Alessandra Muratori Casali, con una rappresentanza di alunni della classe 5^C Liceo Scientifico delle Scienze Applicate dell’IIS Corni, che racconteranno brevemente l’esperienza avuta in occasione dell’attività didattica.

Infine, sarà presentato in anteprima il progetto del catalogo multimediale che, già dal prossimo settembre, renderà possibile ai docenti e agli alunni continuare a fruire dei contenuti tracciati nel percorso didattico, con approfondimenti e ulteriori apparati iconografico-documentari.

Sede dell’incontro sarà l’Archivio Storico del Comune di Modena, Palazzo dei Musei, Viale Vittorio Veneto, 5, 41124 Modena. Info: tel. 059 2033450 – 2033454.

Quante storie nella storia: settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio

insegnare la storiaPer quanto riguarda l’Archivio Storico del Comune di Modena, la manifestazione Quante storie nella storia: settimana della didattica e dell’educazione al patrimonio in archivio prevede altre due iniziative, che si terranno nella giornata successiva e per le quali rimandiamo alla pagina dedicata.

Ideata per dare visibilità all’attività svolta negli archivi storici emiliano romagnoli, la manifestazione rappresenta per gli enti che vi aderiscono un’occasione per la valorizzazione del proprio patrimonio archivistico: l’obiettivo è accrescere la consapevolezza dell’importanza dell’archivio come bene culturale e memoria storica collettiva. La rassegna è promossa da IBC Istituto per i Beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna ed è giunta alla sua XVIII edizione.

Per ricevere aggiornamenti su tutte le iniziative che ci coinvolgono, puoi iscriverti alla nostra Newsletter settimanale, in questa pagina.

Spargi la voce!

Potrebbe interessarti anche
Conosci una persona interessata? Faglielo sapere!