Ci sono gesti che si concretizzano in forme semplici, ma assumono significati dalla profondità insospettabile. Un esempio? Tracciare una croce su un foglio. Non esiste un movimento scrittorio più semplice: per secoli gli analfabeti hanno disegnato quella tremolante X sulle carte per firmarle. Era un marchio d’ignoranza, soprattutto nei primi decenni del Regno d’Italia: chi non sapeva scrivere il suo nome era automaticamente escluso dal diritto di voto. Poi la legge ha aperto la porta agli uomini, ma le donne (anche quelle che sapevano leggere e scrivere) sono rimaste fuori dalle urne fino al secondo dopoguerra. Che cosa significava allora, settant’anni fa, mettere la propria croce sulla scheda per la prima volta? Quali passioni accendevano le piazze e coloravano i muri delle città per il primo voto politico? Lo scopriremo in una conferenza-spettacolo sulle elezioni del 1948 a Modena!

Elezioni del 1948 a Modena. Dettaglio dal giornale murale "La giornata di Togliatti", prodotto dai Comitati civici per schernire il segretario del PCI, leader del Fronte democratico popolare.

Dettaglio dal giornale murale “La giornata di Togliatti”, prodotto dai Comitati civici per schernire il segretario del PCI, leader del Fronte democratico popolare. (Fondo Tonini, Biblioteca Poletti)

Le elezioni del 1948 a Modena

La contesa per le elezioni politiche del 18 aprile 1948 è stata la più intensa della storia italiana. Nei mesi che precedettero il voto, le “verità” dei partiti e degli schieramenti in lotta colorarono le piazze e le strade con toni sempre più accesi. In quel frastuono di comizi e immagini, c’era davvero da perdersi! Se t’interessa scoprire qualcosa di più su quella campagna elettorale, l’abbiamo raccontata in sintesi nella seconda parte di questo post.

Ma per le elezioni del 1948 a Modena è successo qualcosa di particolare? Anche nell’Emilia “rossa” il Fronte democratico popolare di socialisti e comunisti ha fatto fatica? E i Comitati civici hanno seminato il panico anche sotto la Ghirlandina? Queste domande ci hanno accompagnato in tutto il lavoro per la costruzione della mostra 1948 Italia al bivio. Nel percorso espositivo, però, non abbiamo avuto abbastanza spazio per raccontare tutte le storie scoperte durante la nostra ricerca… e non le abbiamo esaurite neppure nel trekking Per le strade della verità! Per presentarle al pubblico abbiamo deciso di costruire la conferenza-spettacolo I colori della verità. Le elezioni del 1948 nella società modenese.

Elezioni del 1948 a Modena. Vignetta pubblicata su "La verità", settimanale della Federazione modenese del PCI.

Elezioni del 1948 a Modena. Vignetta satirica pubblicata su “La verità”, settimanale della Federazione modenese del PCI: i leader del blocco occidentale vengono rappresentati mentre inseguono le lusinghe degli Stati Uniti, facendo a gara nel mostrarsi zelanti, come se fossero impegnati in una corsa ciclistica. (Fondo Tonini, Biblioteca Poletti)

I colori della verità: una conferenza-spettacolo

Daniel Degli Esposti terrà il filo del racconto, costruito insieme a Paola Gemelli, mentre l’attore Federico Benuzzi presterà la voce ai protagonisti di quelle vicende storiche. La parola sarà dunque protagonista, ma non andrà in scena tutta sola. La scenografia virtuale ci farà immergere nei colori e nei linguaggi iconografici della campagna elettorale. Proietteremo vignette e caricature, manifesti e giornali murali, fotografie e volantini, in gran parte selezionati dal patrimonio culturale comunale. Emergerà così quel “coro” di “verità” discordi e spesso contrapposte, che 70 anni fa mise alla prova lo spirito critico dei modenesi.

Stamane alle 9:30 padre Vito dei Cappuccini, più due dell’ACLI in via Ganaceto venivano sorpresi a strappare manifesti del Fronte, lasciando solo quelli della DC. Giunti gli agenti, invece di procedere, diedero ordine di strappare anche i rimasti al frate stesso. […] Protestiamo inoltre in quanto il Ministro Tupini oggi si è portato in montagna a fare propaganda a quanto dicono i giornali e in una giornata che la propaganda elettorale è proibita per chiunque. Deploriamo inoltre che le autorità locali non siano riuscite ad individuare le due radio clandestine che trasmettono ingiurie e minacciano di morte agli [sic] uomini del Fronte della nostra provincia […].

17 aprile 1948, Denunce della Segreteria modenese del Fronte democratico popolare alla Questura (Archivio di Stato di Modena, Fondo del Gabinetto di Prefettura – 1948)

Tuttavia non proporremo soltanto materiali risalenti a settant’anni fa: alle fonti dirette si aggiungeranno infatti citazioni tratte da opere ancora inedite. Sono i racconti finalisti del concorso letterario “Modena, 1948”, curato dall’Associazione Editori Modenesi, la cui premiazione si terrà al termine della conferenza-spettacolo.

Appuntamento sabato 15 dicembre alle 17

La conferenza-spettacolo I colori della verità. Le elezioni del 1948 nella società modenese cercherà dunque di ricondurre le posizioni delle forze politiche alla realtà dei fatti, di per sé piuttosto problematica da ricostruire storicamente. Eppure il lavoro di analisi e interpretazione storica è fondamentale per comprendere le intenzioni comunicative ed elettorali sottese a ciascuna voce. Non si può capire la realtà di allora senza inserire le azioni dei protagonisti nel loro contesto storico, valutandone gli effetti sulla comunità locale e sullo scenario nazionale.

La conferenza-spettacolo andrà in scena sabato 15 dicembre alle ore 17.00, presso la sala conferenze della Biblioteca Delfini. È uno degli otto appuntamenti in programma per il ciclo di iniziative Storia in pubblico, legato alla mostra 1948 Italia al bivio. L’esposizione, allestita fino al 16 marzo 2019 presso la Biblioteca Poletti e l’Archivio storico del comune di Modena, sarà aperta eccezionalmente per l’occasione dalle ore 15.00 alle 19.00.

Se insegni storia e vuoi proporre alla tua classe un itinerario scuola-città sulle elezioni del 1948, ecco qui una proposta per te!

Per restare aggiornati sui nostri eventi, è possibile iscriversi alla nostra Newsletter settimanale, andando a questa pagina.

Spargi la voce!

Potrebbe interessarti anche
Conosci una persona interessata? Faglielo sapere!