L’8 dicembre 1985 a Castelnuovo Rangone inaugura il parco John Lennon. Sono trascorsi solo cinque anni dalla sera in cui Mark David Chapman ha posto fine all’esistenza del suo idolo con quattro colpi di revolver. Eppure, nell’atmosfera rampante e spregiudicata degli anni Ottanta, in un paese della provincia modenese si sente già il bisogno di coltivare l’eredità di un artista capace di segnare la seconda metà del Novecento. Castelnuovo Rangone diventa così il primo comune d’Europa a intitolare uno spazio pubblico a John Lennon. Ma quali sono le ragioni che stanno dietro a questo record?

John Lennon Castelnuovo Rangone

Un paese che cambia

Alla metà degli anni Ottanta Castelnuovo Rangone è un paese in pieno fermento. Le gru dei cantieri segnano un paesaggio sempre più ingombrato dagli edifici. Da una quindicina di anni la popolazione aumenta a un ritmo sostenuto, incoraggiata dalla vicinanza a Modena. Anche i cattivi odori degli allevamenti e delle lavorazioni industriali sono sempre meno intensi. Grazie ai miglioramenti degli impianti produttivi, la nomea del “paese della puzza” sta finalmente lasciando il nascente distretto delle carni. Anche per questo, diverse famiglie decidono di trasferirsi da Modena alle zone residenziali di Castelnuovo.

Mentre il paese si allarga, i vecchi punti di riferimento cominciano a tramontare. Per questo gli amministratori e i cittadini più attivi sono animati da interrogativi profondi e importanti: è possibile mantenere un senso di comunità, quando i tempi e le persone cambiano sempre più velocemente? Quali spazi possono favorire la condivisione di idee e valori? Nelle riflessioni sul futuro si consolida l’idea di realizzare parchi urbani tra la campagna e le vie del centro abitato. Le condizioni normative sono favorevoli: il piano regolatore, approvato negli anni Settanta, prevede di destinare aree piuttosto consistenti a verde pubblico. Non resta che passare all’azione…

Castelnuovo Rangone John Lennon. Veduta di Castelnuovo Rangone agli albori dell'espansione demografica

Veduta di Castelnuovo Rangone agli albori dell’espansione demografica

Il parco John Lennon a Castelnuovo Rangone

È proprio in quest’atmosfera che, nella seconda metà del 1985, prende forma il primo parco di Castelnuovo Rangone. Anche la zona del Rio Gamberi è destinata a verde pubblico, ma i lavori di adeguamento richiedono tempi più lunghi. Si comincia quindi ad attrezzare un’area più piccola, che si trova lungo via Enrico Fermi. La giunta comunale, però, non si limita ad aprire il parco: con una mossa decisamente mediatica, propone di intitolarlo a John Lennon. “Poeta, musicista, pacifista”, secondo la descrizione che accompagna la dedica. “Un drogato”, secondo i detrattori di questa scelta pionieristica e inattesa.

Il dibattito sul “Parco John Lennon” tiene banco per settimane sui quotidiani locali, raggiungendo anche i media nazionali. Alla fine la spuntano i sostenitori dell’intitolazione, che sottolineano l’importanza dell’attivismo nel nome della pace. Così, in quell’8 dicembre 1985, a Castelnuovo Rangone prende forza l’idea di realizzare ogni anno il John Lennon Day. Una giornata di festa, musica e impegno sociale. Un momento di comunità e di condivisione nel segno della fratellanza e dei diritti umani. Un punto di riferimento per il calendario civile della comunità.

John Lennon Castelnuovo Rangone

John Lennon Day 2018: “Diamo una chance alla pace!”

A 33 anni dalla nascita del Parco John Lennon, arriva il momento di (ri)scoprire storicamente l’eredità (indirettamente) lasciata dall’artista britannico a Castelnuovo Rangone. A poche settimane dal successo del trekking storico Tra le fabbriche e i parchi, al quale hanno partecipato più di 50 persone, andrà dunque in scena l’history telling Diamo una chance alla pace! John Lennon a Castelnuovo Rangone tra memoria e cambiamenti sociali. 

Vuoi sapere di che cosa si tratta? Nel pomeriggio di sabato 8 dicembre 2018 racconterò insieme a Beatrice Tioli l’impatto della musica e della memoria di John Lennon sulla comunità di Castelnuovo Rangone tra gli anni Settanta e Novanta. Una stagione di forte crescita demografica, caratterizzata dai cambiamenti sociali e dalle sfide ambientali, oltre che dal confronto con i mutamenti economici e culturali del contesto globale.

Ad arricchire il racconto storico contribuiranno musicisti Denis Bastoni, Max Po e Maxy Gallesi, già nostri preziosi compagni di viaggio nella narrazione-spettacolo Tre vite in una. Il trio eseguirà canzoni di John Lennon e altri celebri brani del secondo Novecento con interpretazioni e arrangiamenti originali.

Riepilogando, l’appuntamento con l’history telling Diamo una chance alla pace! John Lennon a Castelnuovo Rangone tra memoria e cambiamenti sociali è fissato per sabato 8 dicembre alle 16 nella Tenda del Centro (piazza Cavazzuti, Castelnuovo Rangone).

Per non perderti le mie prossime iniziative e quelle di Paola Gemelli, puoi iscriverti alla Newsletter di Allacciati le storie cliccando qui.

Spargi la voce!

Potrebbe interessarti anche
Conosci una persona interessata? Faglielo sapere!